lunedì 20 agosto 2012

SANDWICHES IN RIVA AL CANALE

Non vi ho ancora parlato della citta' dove viviamo: si chiama Suzhou e si trova a circa 100 km da Shanghai.
Quando la nostra famiglia ha accettato la sfida di trasferirsi in Asia, non avevamo una meta "imposta", potevamo scegliere un posto qualsiasi purche' "in loco". Avrebbe potuto essere il Vietnam (che mio marito conosce bene per averci lavorato anni fa), oppure Singapore o Hong Kong. Scegliere guardando una cartina geografica non e' facile! E dovevamo decidere in fretta. Non vi sto a spiegare i mille motivi che ci hanno spinto a Suzhou (e forse non li so bene nemmeno io, dato che in queste cose spesso piu' che la ragione conta l'intuito), ma voglio raccontarvi qualcosa di piu' su questo luogo. La citta' e' famosa per i suoi antichi giardini e viene chiamata la Venezia cinese, poiche' le sue stradine si sviluppano su un dedalo di canali. Attorno al cuore antico (meta turistica molto frequentata) sono stati costruiti negli ultimi anni due grandi, moderni distretti che ospitano uffici, imprese e schiere di blocchi abitativi dove prevalentemente abitano gli stranieri. Queste zone nuove sono ampie, pulite e molto curate nel verde pubblico. Di fronte a casa nostra c'e' anche un grande lago con una lunga camminata sulla riva che di sera e' illuminata da luci variopinte.
Domenica mattina, finalmente, abbiamo deciso di fare i turisti e andare a fare un giro in barca sui canali della citta' antica. L'imbarcazione era grande piu' o meno come una gondola, ma piu' larga e piatta, guidata con un remo davvero simile a quello delle gondole veneziane da una signora davvero amichevole che ha anche cantato per i bimbi!
Cosi', mentre il torello cercava in tutte le maniere di eludere i controlli e fare un tuffo nell'acqua torbida del canale, ci siamo goduti una mezzoretta di navigazione tra mura antiche, ponti e salici piangenti che lambivano l'acqua. Davvero molto bello. Finito il giro abbiamo mangiato un sandwich in un localino lungo il canale, nella via storica della citta'.
E adesso vi saluto perche' il torello non mi lascia scrivere altro: strepita, piange, mi sale in braccio e tocca tutto :)

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...