giovedì 25 maggio 2017

ITALIAN MOOD

Come ogni anno si avvicinano le vacanze estive in Italia. E come ogni anno, inspiegabilmente, non ho nessuna voglia di partire.


Ah l'Italia… cieli puliti, ottimo cibo, vino a fiumi, grigliate e chiacchiere! Per non parlare della vicinanza dei parenti ed amici, quelli coi quali in questi mesi si riusciva a comunicare solo con spezzettate chiamate skype, messaggini, qualche email. Quando arriva il momento di pensare alle vacanze estive in madrepatria, chi non si lancerebbe come un fulmine ad acquistare i biglietti?

Eppure a me non succede.

Non fraintendetemi, non è che non abbia voglia di trascorrere del tempo con i miei più cari affetti in Italia, godermi un po’ la mia casa, guidare la macchina, andare finalmente a fare la spesa in uno splendido, fornitissimo e (per i miei attuali standard) semideserto supermercato italiano. Ma ci sono talmente tante faccende che si insinuano tra me e la mia goduriosa felicità nel calcare il suolo della madrepatria, che mi passa la voglia.

Non so… bazzecole come trascorrere più di un mese 24/7 da sola coi bambini. Il Papi Viaggiante purtroppo quest’estate non viene e i parenti, sì ci sono, ma conducono la vita sempre di corsa alla quale anche io ero abituata in Italia, quella che non ti lascia nemmeno il tempo di bere un caffè con calma, con che cuore chiedere più di quello che già fanno? 

Un mese senza ayi… si ne ho già parlato… è vergognoso lo so… ma sono talmente abituata ad avere per casa questo angelo del focolare che mi aiuta ogni mattina, da non riuscire a pensare di doverci rinunciare per un tempo così lungo. 

Un mese senza asilo nido… proprio ora che mi sono abituata ad avere ADDIRITTURA tre ore della mia giornata libere da dedicare ai miei progetti letterari. 

Il viaggio aereo… lungo, costoso (siamo in tanti e questo comincia a pesare sul budget), che dovrò trascorrere EROICAMENTE da sola con tre bambini dagli otto anni in giù (di cui uno sotto i due, quindi ancora sprovvisto di sedile proprio). Il solo pensiero mi fa venir voglia di restare a crogiolarmi nella noia e nel caldo della umidiccia Suzhou estiva.

Già… non c’è alternativa, a Suzhou in estate non si può restare. Quindi? Quindi inizio già ora a prepararmi psicologicamente, ad auto-farmi il lavaggio del cervello. Mi concentro giorno dopo giorno a rievocare con il pensiero tutte le cose splendide che mi attendono in Italia (e ce ne sono a bizzeffe!). Inizio a pensare a quali amici devo già contattare per fissare un appuntamento… una giornata insieme o una serata fuori (figli permettendo, ovviamente!).

A cosa cucinerò… sì perché sembra banale ma dopo cinque anni di Cina il mio modo di stare ai fornelli è cambiato tantissimo e mi devo proprio SFORZARE di pensare all’italiana quando metto insieme pranzo e cena. Non mi trovo più con le pentole, che trovo troppo basse per i mei gusti (la verdura saltata si cucina nel wok!), odio quel fornello debole debole (qua in Cina ci sono solo due fuochi sulle cucine, ma potentissimi. All’inizio bruciavo tutto ma ora che salto le verdure alla cinese ho capito come si usano). Verdura croccante contro papponi cucinati per ore (che una volta, per inteso, mi piacevano tantissimo). Tutta la scelta di cibi che qui non cucino mai, come il pesce ad esempio: lo mangeranno i miei figli il pesce fresco e buono? O sono abituati a quei terribili filetti surgelati che compro per disperazione? E il piccolino, che all’asilo si straffoga di riso cinese e jiaozi (ravioli al vapore), apprezzerà la dieta mediterranea? O farà restare di sasso la nonna, rifiutando sdegnoso le tagliatelle col sugo di carne?

Sì per me è un processo laborioso: lasciare la routine cinese, coi suoi pregi (tanti) e difetti (tanti) e rientrare mentalmente nell'Italian mood.

Inizio a coinvolgere i bambini in questo mio processo di riavvicinamento psicologico all’Italia: inizio a chiedere “Vi ricordate di…” o a rievocare luoghi e sapori. Inizio a dire “Eh ma le ciliegie del campo degli zii…” oppure “Quando saremo in Italia andremo a fare la spesa dal contadino!” 
Loro partecipano al mio gioco, guardandomi a volte stranamente. Per loro sembra sempre tutto così naturale…


Se il processo di auto convincimento funzionerà, tra un mesetto non starò nella pelle e non vedrò l’ora di salire su quell’aereo (anche se mi aspetta l’Odissea). E se non funziona?… beh per ora non è mai successo!

8 commenti:

  1. Ormai sei completamente inserita nella vita cinese! Immagino che sarà una bella sfacchinata il viaggio, ma secondo me dopo un paio di giorni ti abituerai ai ritmi italiani, dai...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ammetto che il viaggio mi fa paura! Ma so anche, come dici tu, che mi abituerò presto alla vita italiana e poi alla fine magari non avrò voglia di ritornare in Cina!

      Elimina
  2. Credo sia normale questo tuo pensare.. però forse invece di pensarci troppo concentrandoti, prova a non pensarci troppo e affrontare il viaggio in Italia come una novità, cercando qualcosa di nuovo e vivere la tua permanenza in Italia senza troppe programmazioni ma con una certa libertà e ispirazione del momento..
    Forse non è una cosa facile da fare con bambini piccoli ma io proverei a sdoganare gli stereotipi dell'italian mood comunque, in modo che lo stress derivato dal cambio orientale-occidentale sia minimo..
    Non so, pensa sempre al bello e al meglio di entrambi i luoghi e glissa elegantemente sulle .. peculiarità meno nobili specie italiane..
    Spero di poterti salutare se ci sarà modo e tempo per farlo..
    Un abbraccio
    Lucy (Rete DPI Ts)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lucy per il tuo commento!! Spero di riuscire a salutarti anche io!

      Elimina
  3. Eh... come capisco il capitolo stare DUE mesi (per quanto mi riguarda) senza Ayi e senza ASILO SANTO NIDO cinese. Sopravvivremo in qualche modo anche a questa prossima estate e a questa ricerca continua di equilibri da fare e disfare.

    RispondiElimina
  4. Da parte di chi l'ha provato, piena comprensione. E i mie erano due che fa un enorme differenza :)

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...