lunedì 9 gennaio 2017

LA DURA VITA DELL'ARTISTA

E così anche le vacanze di Natale sono passate. Quest’anno, oltre alla novità della scuola italiana, ho approfittato del tempo in Italia per fare promozione a “Prezzemolo & cilantro”.



Ed eccomi peregrinare con il mio scatolone di libri da vendere, da un posto all’altro, nella speranza di una partecipazione in più, di una vendita in più. Ho scritto un libro di nicchia, e si nota. Ho scelto l’autopubblicazione, e si vede. Nell’Italia dove, secondo l’Istat, il 60% della popolazione dichiara di non leggere nemmeno un libro all’anno, la fatica di vender libri è notevole.

Ho avuto l’onore di essere stata ospitata dal mio comune, mi ha presentato nientepopodimeno che il sindaco! E’ un comune piccolo, ma la soddisfazione di poter raccontare del mio libro e della mia esperienza proprio nel luogo che mi ha vista partire è stata incomparabile. Ma nonostante la pubblicità sul giornale, la sala era tutt’altro che piena. Dura la vita dell’artista!

Poi sono stata ospite ad una serata organizzata dalla mia agenzia viaggi: si è parlato di Cina e di come viaggiare in questo paese, di cosa vedere e cosa fare. Una serata molto piacevole ma chi è venuto era più interessato ai viaggi che non ai libri. Dura la vita dell’artista!

Una presentazione a Trieste ho dovuto cancellarla a causa di influenza intestinale di tutta la figliolanza (e anche della Supernonna che avrebbe dovuto occuparsi della suddetta). Ogni lasciata è persa, dicono. Dura la vita dell’artista!

L’ultima presentazione è arrivata per caso, invitata da un amico che gestisce un locale. E si è risolta in una bicchierata tra parenti stretti. Dura la vita dell’artista!

Ho speso ben nove euro per una campagna Facebook che mi ha fatto vendere la cifra stratosferica di due copie (e che quindi non mi sono nemmeno ripagata). Ho pubblicizzato su Wechat, chiesto recensioni a parenti e amici, postato cercando di non rompere troppo i maroni (se non ci sono riuscita, scusatemi!). Insomma mi chiedo se questa promozione fai da te è stata davvero così brillante come mi illudevo fosse! Dura la vita dell’artista!

Ma nello stesso tempo ho avuto l’immensa gioia di conoscere, tramite il libro, una ragazza che ha letto il romanzo e mi ha scritto per complimentarsi, che vive nella mia stessa regione ed è venuta a vedermi ad una presentazione! (se ti riconosci, ti ringrazio ancora per essere venuta!).

Ho avuto la piacevole sorpresa di leggere una recensione spontanea sul web, di chi mi ha trovato per caso ed ha scritto parole bellissime sulla storia che ho pubblicato, quasi commuovendomi! 

E molte altre soddisfazioni sulle quali non vi tedio. Ma se non avessi scritto il libro, se non avessi osato e se non ci avessi messo la faccia, non le avrei avute!

Ora un nuovo anno inizia e metto momentaneamente un punto su questa promozione durata mesi. Come forse avrete letto sul blog e sulla mia pagina Facebook, la nuova sfida sarà la pubblicazione in inglese (così avrò modo di rompere i maroni anche al pubblico internazionale!).

E, naturalmente, ho in testa il secondo libro (sì, ci sarà il seguito della storia di Emma, per chi se lo stesse chiedendo!!!) e tutta l’intenzione di trovare il tempo per scriverlo. Non demordo. Vado avanti imperterrita. Il successo è il frutto di innumerevoli fallimenti, dicono. E allora, diamoci dentro! Auguri a tutti per un 2017 carico di… cosa devo augurare allora? Tanti fallimenti? Ma no, dai! Restiamo sul classico: carico di successi!



8 commenti:

  1. Forza Antonella! Non demordere e vedrai che tutto questo lavoro non sarà stato vano. In ogni caso non lo sarebbe, perché è esperienza, è vita e per tutte le gioie, seppur piccole che ti possa aver portato, ti ha arricchito. Prometto che quanto prima arriverà anche la mia di recensione.
    Che il nuovo anno sia per te solo l'inizio di un lungo e sfavillante cammino. (Mi farebbe piacere prima o poi riuscire ad incontrarti di persona, l'Asia è veramente tanto grande e a volte è un peccato...ma prima in poi in Cina ci arrivo)
    Saluti giapponesi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero quest'esperienza è valsa la pena al 100%! Nel suo piccolo è stata anche un successo, anche se forse la proporzione lavoro fatto/ritorno in vendite può sembrare non brillante. Ma sono conscia che, per avere un raccolto abbondante, bisogna prima lavorare il terreno, seminare, annaffiare, curare e ancora lavorare! E' anche questo il bello!!!
      Mai dire mai: vedrai che prima o poi ci conosceremo di persona!

      Elimina
  2. Non perderti d'animo, sono piccoli mattoncini per costruire un futuro che mi auguro ti porti il successo è le soddisfazioni che ti meriti.
    Buon anno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alle volte si vorrebbe tutto subito, ma come dici tu le cose si ottengono a poco a poco... come dicono gli inglesi Rome wasn't built in a day! Qualche attimo di sconforto fa parte del gioco ma prometto che mi tiro su più entusiasta di prima! Tanti auguri anche a te per tutti i tuoi progetti!

      Elimina
  3. Sono finito su questa pagina per caso. Questo post è bellissimo. La maggior parte dei blogger si bea dei libri che hanno scritto come fossero best seller in cima alla selezione della Feltrinelli. Tu invece racconti la tua realtà indipendente nel suo aspetto più crudo, ma anche romantico. Ti auguro tutto il successo che solo l'impegno e la volontà che dimostri ti possono procurare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il tuo commento, Giuseppe! E spero che ripasserai a trovarmi sul blog!

      Elimina
  4. Piano piano, arriveranno i risultati secondo me :)
    Non ti arrendere!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...