giovedì 9 luglio 2015

A SCUOLA DI NOTTE




Questo, per mia figlia, è stato l'ultimo anno di asilo: dal prossimo anno comincerà le elementari. Di conseguenza, le ultime settimane di scuola sono state ricche di avvenimenti importanti (e, perché no, commoventi!) come la cerimonia della graduation (con tanto di toga nera e cappello da laureanda, mica si scherza da queste parti!) e la recita di fine anno.

Uno degli appuntamenti più attesi, organizzato appositamente per i bambini dell'ultimo anno, è lo sleep-over a scuola, ovvero un'intera nottata da trascorrere in classe!
Il programma era davvero ricco: i bambini sarebbero rimasti a scuola nel pomeriggio, entro le cinque i genitori avrebbero dovuto portare del cibo da condividere per la cena (la scuola avrebbe preparato hot dog e frutta) e avrebbero dovuto salutare i bambini.

Dopo cena era prevista la visione di un film a cartoni in biblioteca, poi la doccia (e per chi voleva un bagnetto in piscina, quella bella bella della foto sopra!), lo story- time e poi, finalmente (e sperabilmente!) nanna!

Bello, no?

Quando ha saputo dell'evento, circa due settimane prima, la Pupella mi ha detto: “Ma io ho paura di dormire a scuola senza la mamma!”
In effetti, se escludiamo un paio di notti dalla nonna, non ha mai fatto uno sleep over né da amici né da parenti. Mi seccava dar corda alle sue paure, ma nello stesso tempo non volevo sminuirle, dopotutto mi sembravano anche naturali. Ma non volevo per nessuna ragione cedere e dirle “Allora tu se vuoi puoi tornare a dormire a casa!”, poiché la nottata a scuola mi sembrava un'occasione d'oro sia per divertirsi che per crescere. Ho scelto la via pratica e le ho detto che, con calma, appena avremmo avuto un momento tutto per noi, ci saremmo sedute e avremmo analizzato tutte le sue paure (tra le quali il timore di svegliarsi di notte e non trovare nessun adulto da chiamare per un bisogno), cercando per ognuna di trovare una soluzione pratica.

Ma i bambini sono ricchi di risorse e sanno sempre stupirci: dopo qualche giorno mi ha detto tutta contenta che non aveva più nessun timore di dormire a scuola. Davvero? E come mai? Semplice: la sua amichetta le ha detto di non preoccuparsi, che avrebbe portato lei una lucetta da poter tenere accesa la notte. E questo è bastato per rassicurare mia figlia e farla sentire confidente.
Io ero stupefatta: mi immaginavo ore di dialoghi e rassicurazioni tra mamma e figlia (magari coinvolgendo anche il pratico e super logico papà), invece le ragazzine se la sono cavata tra di loro, dimostrando una capacità di problem solving che è carente perfino in molti adulti!

E così è stato: è rimasta a scuola tutta felice, senza alcun timore. Nessun bimbo ha pianto e si sono addormentati tutti abbastanza in fretta (per poi svegliarsi già alle sei e mezzo del mattino e iniziare subito a giocare!!!).

Questa settimana la scuola finisce, molti amici se ne sono già andati, per noi invece sarà un'estate diversa in quanto resteremo a Suzhou. Ma di questo vi parlo nel prossimo post!

2 commenti:

  1. Ma che tenera! I bambini trovano sempre una soluzione ^_^
    Che bella però questa cosa del dormire a scuola, è un po' come rafforzare le amicizie ed è un modo splendido di finire l'anno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, per lei è stata davvero una bella esperienza :)

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...